domenica 6 agosto 2017

Il teatrino

  • O noi o loro.

La manipolazione dell'opinione pubblica è evidente. La campagna mediatica martellante,asfissiante, salmodiante a favore dell'immigrazione di massa è quotidiana, pervasiva, ortodossa. Ogni tanto osservo divertito le prime pagine demenziali, quasi patetiche del Corriere della Sera, quotidiano progressista-internazionalista de il-pensiero-unico. Sorrido e mi chiedo se esisteranno persone che credono a perle talmente grossolane da risultare persino ridicole, patetiche. Dunque Giampaolo Rossi riporta i risultati di una ricerca rigorosa condotta in Germania sui mezzi di manipolazione di massa che misurano questa realtà. La fabbricazione industriale del falso.
Come convincere centinaia di milioni di persone a diventare animali da macello a inoltrarsi con gaudio e convinzione nel labirintico percorso recintato che li conduce al mattatoio culturale, cognitivo, psicologico, identitario e, come già sperimentato, anche fisico.

Leggo del teatrino patetico del governo sostituzionista con le ONG scafiste. Non si può neppure pronunciare lotta all'invasione o difesa dei confini, degli interessi degli elettori, gli interessi nazionali. I media portavoce si baloccano con espressioni camomillesche come "favoreggiamento all'immigrazione clandestina" come se i 5 milioni di invasori ormai insediatisi in Italia più centinaia e centinaia di migliaia di spariti, non registrati, clandestini, fuggiti, scomparsi, volatilizzati fossero umidità sparita nel torrido di questi giorni. Viene riportata come notizia incredibile la pratica di restituire ai colleghi scafisti nordafricani i natanti, come se questa non fosse stata implementata e ordinata proprio dagli scafisti governativi, anche quello del Gentiloni orgoglione che rifiuta sprezzante la proposta di collaborazione sulla difesa dei confini comunitari e nazionali da parte dei governi di Cechia, Ungheria, Polonia e Slovacchia.

Mi ricorda le osservazioni sarcastiche, ciniche di_mlero, sull'ipocrisia che vige nel mondo del teatro, applaudo anche se hai fatto schifo perché così domani tutto si può ripetere.
Il sistema già elefantiaco, ipertrofico, in metastasi per la complessità e le dimensioni insostenibili, in crescita esponenziale, sta avvitandosi su se stesso in una dissociazione culturale, alimentata ad arte, quella per cui il pericolo massimo viene sofisticato in nutrimento, in fine e ragion d'essere, da un processo apologetico decisamente fine, sofisticato che non potrà che condurre che a una nuova Shoah europea, ad una sirianizzazione multietnica nella quale la crisi prima e poi il collasso ecologico, economico farà da detonatore alla polveriera implementata in decenni. Proprio come in Siria in cui fu una grave crisi causata dalla siccità a far implodere l'enorme castello di carte di una popolazione multietnica spropositata, numericamente impazzita.


24 commenti:

  1. In teatro se sbagli ci metti la tua faccia, in questo momemento invece mi pare ci si stia mettendo il xxxx degli altri. Tipica l'occasione di volontariato con pulizia del verde, in cui si prendono due o tre castagnoni, tutt'altro che provati dagli stenti della fame e della guerra, con giubottino da lavoro e attrezzi del mestiere:foto di gruppo, ma chi ci crede?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ieri è successo pure da me ma non erano 2 o 3. Forse una quindicina

      Elimina
    2. Lavori che se fanno i doni non fanno i poracci nostrani.
      Ma questa considerazione da terza elementare non appartengono alla intellighenzia (per cretini) della vostra area ideologica sinistra.
      L'aritmetica è stata abolita da catto, comu e cattocomu. - isti.
      Progresso... alla barbarie.

      Elimina
  2. A questo punto, faremmo prima a istituire un traghetto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ovviamente a spese dello stato che i lobptomizzati no-borders e fanfaluche simili negano (uno stato senza confibi, semplicemente, non sussiste, non esiste).
      Fonamentaliati sono sempre scemi.

      Elimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. Questa messa in scena del "pugno di ferro" contro le ONG negriere che trasbordano schiavi è ridicola.

    Se vuoi fermare "l'invasione" chiudi i porti e pattugli le acque di fronte alle coste rispedendo al mittente i barconi, tutto il resto è fuffa da campagna elettorale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti un teatrino per cretini.
      Hanno messo nella crapa delle masse il politicamente costretto, l'affrontare l'invasione con i codici e i rimpatrio con alcune parole scritte su della carta, col pompiso nome di "foglio di via".
      Più o meno come tentarssero di cucinare per l'adunata degli Alpini con tre fornelletti da due fuochi da campo.
      L'illusione inficcata bella testa dei più che questa invasione non solo non sia una guerra migratoria ma che sia una fantastica opportunità, l'arrivo di "doni , risorse, pagatori di pensioni, gioiosi fratelli dell'islam religione di pace bla bla bla bla bla bla bla bla bla bla bla bla bla".

      Teatrino di criminali per cretini.

      Elimina
    2. Esiste una porzione sempre più ampia della società che vive de Il Problema, che lavora ad esso, che cerca di aumentarlo in dimensioni e intensità.
      Considera che le castalie mondialiste, neo sovietiche, i mandanti, hanno un disegno di società a scoppio e di speculazione globale che è evidente a parte gli oppiomani che ne seguono la religione e le direttive.
      L'ipocrisia è massima. Come gli intenti speculativi e parassitari, antiitaliani

      Elimina
    3. Mi ero ripromesso di non scrivere più niente qui ma queste due cose sono troppo grosse.

      La prima è che non avete capito una fava.

      La seconda è che il Piano ormai ve lo spiattellano davanti agli occhi ma voi ancora siete qui a straparlare di "schiavi". E allora mi tocca ridirvelo:

      Scalfari sul compito della "sinistra"

      "“…Ma se invece di ragionare su un processo millenario ragioniamo di un processo di pochi secoli, allora l’Africa diventa un elemento positivo, che va aiutato in tutti i suoi problemi. E non solo l’Africa, ma tutti i popoli migranti che hanno di mira Paesi di antica ricchezza, con i quali convivere nel tentativo di ridurre le disuguaglianze. La vera politica dei Paesi europei è quindi d’essere capofila di questo movimento migratorio: ridurre le diseguaglianze, aumentare l’integrazione. Si profila come fenomeno positivo, il meticciato, la tendenza alla nascita di un popolo unico, che ha una ricchezza media, una cultura media, un sangue integrato. Questo è un futuro che dovrà realizzarsi entro due o tre generazioni e che va politicamente effettuato dall’Europa. E questo deve essere il compito della sinistra europea e in particolare di quella italiana”."

      Varrebbe la pena di comprare l'Espresso solo per incorniciare l'articolo di Scalfari. E non crediate che sia un povero vecchio rimbambito. Dice solo le cose come stanno e non se ne vergogna perché tanto ormai la maggior parte degli Italiani non legge e quelli che leggono lo applaudono e poi vanno all'ape.

      Il Popolo Medio con la Cultura Media.
      E' la Fine dei Giorni. Ma viva la figa, eh...

      Elimina
    4. Non mi rispondente tanto non leggo.

      Elimina
    5. Quante volte ho sottolineato la hybris moralisticheggiante di questi pazzi invasati?
      Anche qui sopra ho scritto "hanno un disegno di società a scoppio e di speculazione globale che è evidente".

      Sfondi una porta aperta. Perché arrabbiarti!?

      Elimina
  5. "Non mi rispondente tanto non leggo."

    XD

    RispondiElimina
  6. Io non sono a favore dell'accogliamoli tutti. Anzi, quasi il contrario. Poi però vi leggo e mi vien voglia di cambiare idea.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche tu antagonista (latente).

      Elimina
    2. Mamma mia sti piddini come son diventati razzisti!
      :D

      Elimina
    3. Le farneticazioni di quel predicatore pazzo invasato di Scalfari

      http://eldalie.blogspot.it/2017/08/diciamolo-cosa-sta-succedendo-basta-con.html

      le possiamo etichettare con "Faccetta bianca bell'Europea".
      Sono dei razzisti (anti) fenomenali.
      Questi parlano di accoppiamenti, razza unica. Manca solo l'apologia esplicita della stupro di massa di quelle meschini, inferiori, schifo europee piccoli borghesi ignobili da parte dei meravigliosi,muscoli, funky e vivi fratelli migranti.
      Pol Pot o Stalin o Mengele erano dilettanti e senza stola sacerdotale.
      Pazzi criminali con la hybris moralisticheggiante. Sono i più pericolosi, razzisti estremi.

      Elimina
    4. Scusate le distorsioni introdotte dal furbofono.

      Elimina
    5. No no, è che vi rivelate proprio gente brutta. Come se un senegalese vi avesse fregato la donna perché ha il cazzo più grosso del vostro.

      Elimina
    6. Tito, Stalin etc. adottavano lo stesso schema politico di Scalfari: decidevano quali popoli ed etnie spostare e/o eliminare.
      Sei stato in Jugoslavia ai tempi del comunismo? Io ho vissuto di persona l'odio incommensurabile tra i vari gruppi innestati e spostati a forza dentro gli altri, contro gli altri.
      Hai letto "Buonanotte signor Lenin" di Terzani?
      Conosci la tragedia della Kosakenland e dei Cosacchi (in Carnia)?
      Noi (chi?) potremmo essere brutti ma poi ci sono i criminali mondiali, storici con i loro folli piani di ingegneria razziale, sociale e geopolitica, con centinaia di migliaia o milioni di morti.
      Meglio brutti che pazzi, invasati e criminali e razzisti estremi.
      Il fattp che tu non prenda le distanze dalle farneticazioni di Scalfari mi fa supporre che tu sia vicino alla sua linea.
      Il paragone fallocentrico è estremamente volgare, iperbolico, fuori luogo e concettualmente sbagliato. A quelle cretine e alle loro infatuazioni assurde e masochistiche ho già dedicato una pagina.

      Elimina
  7. Scalfari lo legge ancora qualcuno? La notiziona è questa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, è ideologo di una forza politica para golpista e che governa interi settori fuori dalla legalità.
      Quel razzista invasato è molto addentro ai sistemi di potere.
      Ancora: l'attuale capo del governo, Gentiloni, è uno a cui Soros ordina di essere ricevuto privatamente a Roma per impartire ordini e direttive politiche. Nei salotti romani ciciara con Bergoglio di come gestire, selezionare e sostituire il gregge con nuovi capi portati qui dall'estero.
      I suoi europarlamentari hanno curricula di voti contro gli interessi italiani, nazionali, lunghissimo.
      Sono i vertici di quel partito antiitaliano,antidemocratico, antiidentitario, filoislamico, razzista anti, sostituzionista, antipopolare, antidecrescita,tecnoteista, progressista, liquefattore, infrastrutturalista, inceneritorista, lievista, antiborghese, paracomunista, sinistrocavialista, antirurale, uteroaffitista, neoschiavista, ugualista, di plastica che tu continui imperterrita a votare e sostenere.

      Elimina

Rumore, robaccia fuori posto, pettegolame, petulanze, fesserie continuate e ciarpame vario trollico saranno cancellati a seconda di come gira all'orsone.